Call: 0123456789 | Email: info@example.com

L’adozione di Bitcoin sale in Turchia in mezzo a un’alta inflazione, la Lira che colpisce il record di bassi


L’adozione di Bitcoin sale in Turchia con l’aumento dell’inflazione e il basso record di Lira

La gente in Turchia si sta rivolgendo sempre più al bitcoin, poiché la moneta locale, la lira turca, ha recentemente raggiunto un altro minimo storico rispetto al dollaro. L’adozione del bitcoin in Turchia supera gli altri paesi della regione.

La Turchia è leader regionale nell’adozione del bitcoin

L’adozione del Bitcoin è in aumento in Turchia, poiché la valuta locale, la lira turca, ha toccato un altro minimo record giovedì, toccando, secondo quanto riferito, 7,95 per il dollaro. Il dollaro ha guadagnato finora circa il 33% contro la lira quest’anno e alcuni analisti prevedono che presto raggiungerà l’8,5. La lira turca si sta fumando“ e „cadrà a nuovi minimi a causa di politiche „non ortodosse“, ha spiegato gli analisti della CNBC. „Il problema di fondo della lira è la mancanza di un’inflazione credibile da parte della banca centrale, che è destinata a svilire la valuta“, ha scritto l’analista della Commerzbank Tatha Ghose in una nota ai clienti la scorsa settimana.

Il Paese soffre di un’alta inflazione e il tasso di disoccupazione ha superato il 14%. Steve H. Hanke, professore di Economia Applicata alla Johns Hopkins University ed esperto di iperinflazione, ha detto che il tasso di inflazione annuale della Turchia è al 36,57% e sta salendo. „La lira è tostata“, ha twittato domenica su Twitter. „La Turchia sta bruciando attraverso la sua riserva di valuta estera come una casa in fiamme“, ha continuato il professore, osservando che le sue riserve sono attualmente pari a 41,12 miliardi di dollari, in calo di quasi 10 miliardi di dollari da luglio.

Gli esperti attribuiscono l’alta adozione di cripto valute da parte della Turchia all’incertezza economica della regione e all’estrema volatilità della lira. Ray Youssef, CEO del mercato globale peer-to-peer (P2P) bitcoin Paxful, ha dichiarato giovedì:

L’aumento dell’inflazione della lira turca è stato un grosso onere finanziario per i cittadini turchi. Il bitcoin può essere usato per preservare la ricchezza contro l’instabilità che circonda la lira turca.

Paxful ha anche rivelato giovedì che le nuove registrazioni sulla sua piattaforma in Turchia sono aumentate del 274% negli ultimi 12 mesi. L’azienda afferma di vedere „un enorme potenziale per l’adozione di crypto“ in Turchia, ed è per questo che sta espandendo la sua presenza nel Paese. Paxful ha stretto partnership strategiche con le aziende locali di crittovalute: Fornitore di lira turca stablecoin Bilira (TRYB) e piattaforma di trading di crittovaluta Cointral. „Speriamo che entrando nel mercato saremo in grado di alleviare alcuni degli oneri finanziari dei suoi cittadini“, ha osservato Youssef.

Il rapporto di Chainalysis‘ Geography of Cryptocurrency, pubblicato a settembre, evidenzia come la Turchia sia all’avanguardia nell’adozione della crittovaluta in Medio Oriente. Il rapporto afferma:

La Turchia è il Paese più alto della regione nel nostro Global Crypto Adoption Index, al 29° posto in assoluto, e rappresenta anche il volume totale di transazioni più alto della regione.

L’indice globale di adozione di cripto-valuta di Chainalysis si colloca a 154 paesi. Oltre alla Turchia, i paesi con un’elevata adozione di criptovalute nella regione mediorientale sono l’Iran (52°) e l’Egitto (64°).

I principali fornitori di servizi di criptocambio in Turchia sono Paribu, Btcturk, FTX, Huobi, Binance, Kraken e Bitmex.

Mentre la Turchia non ha attualmente alcuna normativa in materia di crittovaluta, il Capital Markets Board del paese sta sviluppando un quadro di riferimento per la supervisione dei mercati di crittovaluta, con l’obiettivo di emanare eventualmente delle normative, i dettagli del rapporto. L’Islam è la religione più praticata nel Paese. Secondo le stime del governo, circa il 99,8% della popolazione turca di oltre 84 milioni di persone è musulmana. Recentemente, un esperto della sharia afferma che le criptocittà sono una vera e propria merce di scambio.